.
Annunci online

 
desaparecidos 
in certi posti del mondo essere conservatori è più progressista di essere progressisti in italia
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Courrier International
LibMagazine
Libération
LeftWing
Iddu

Esperimento
Raccoon
Il Genio Brigante
CodaDiLupo
OndeRoad
Rip
Uqbar
Perfetta Stronza
Ciro O'monaciello
PresenteIndicativo
Two Sides of the Bed
Bloggerperfecto
EcoDiSirene
Vulvia
Adlimina
Diderot
Alt
MP
ilbaco
Egine
Emma
Malvino
Il laicista
DolciInganni
  cerca

 

 

 

 


il giorno in cui mi daranno ragione penserò di avere torto



    
 Hey Joe, where you goin' with that gun in your hand




IO VENDO FUMO

 

 

- perché credevo in Kuwait si andasse al mare e invece si va per lavorare nel deserto

- perché credevo Saragoza in Andalusia

- perché le cattedrali del dis-atteggiamento sono tutte arrossite alla vista di Notre-Dame


 vendo fumo

- perché non so fare altro & perché aspiro a morire con la signora Libertà in mezzo alle cosce

- eppure se dovessi immaginarmela la vedrei ORA ai bordi di un treno solitario occhieggare ai passanti digrignare i denti in un falso sorriso imborghesito come se la felicità fossero un paio di labbra complici



io vendo fumo

- perché sono una nomade col vizio della stabilità

- perché ciò che amo è l’incidente di amare
la febbre di sapere il nulla

- perché credevo che gennargentu fosse una capitale araba intrisa di lussuria e sceicchi e m’illudevo che l’hijab m’ avrebbe coperto la bava alla bocca

- perché a Beirut si predicavano i miracoli del Kuraan, e tutte le studentesse della rivoluzione dei cedri ascoltavano furiose le vecchiette sagge



e mentre io vendo fumo
qualcuno si sta convertendo
o desidera convertirmi
o illudermi coi suoi giochi
di prestigio

 

mentre io vendo fumo
qualche arrosto va in fumo
le battaglie si consumano
e sempre gli stessi vincono

 



 L' AMOUR  - 1 (la mort)



LE MEPRIS - 2

 

LA LIBERTE' - 3


LA GU ERR E ET L A PA I X - (o Masculin, Feminin - Yin et Yang) - 4


LA POESIE (l'Art, l'Expression, la Creation, l'Hurle ment ) - 5



LA DESTRUCTION - (5 & unquarto de la tarde)

Quando il mondo sarà ridotto a un solo bosco nero per i nostri quattro occhi attoniti, in una spiaggia per due fanciulli fedeli, in una casa musicale per la nostra chiara simpatia, io vi ritroverò.
A. Rimbaud


THE RENAISSANCE

 









  Utenti connessi

 

 


 

Diario | point of view | cuba libre | adornianamente | ramadam | new encyclopedia | lo sferruzzo | vintage | puntiG | politically frigidism | illitterazioni terroriste | marx / hegel | Capitalism System Docet | metablog | retròsarkòbrunì | revolution time | sarko facho | tempi maturi per la rubrica cina |
 
Diario
571044visite.

8 settembre 2010

* della situazione politica contemporanea (all’arrivo di settembre)

Tra tutte le dichiarazioni e le scemenze del caldo inizio di settembre ce n’è una che mi ha immediatamente illuminato sul prossimo futuro. No, non è stato Gianfranco Fini, l’uomo che ha avuto la finezza di prendere per il culo l’elettorato di destra usando gli stessi concetti della propaganda di sinistra con qualche gioco retorico qui e là (quando parla di tagli mette prima l’accento su quelli alle forze dell’ordine e poi quelli alla scuola, inversione che colpisce, ma che non significa altro che tagli a forze dell’ordine e scuola, insomma un fatto retrò datato duemilanove). Ma Fini ha un progetto, quantomeno un’idea della destra del futuro, una base da cui partire, insomma dietro le parole c’è qualcosa che nasce, qualunque calcolo costi. Se mi guardo dall’altro lato l’idea non la trovo, e capito su una dichiarazione a caso di una tal scrittrice vincitrice del Campiello, Michela Murgia, che si lamenta del premier: ‘’il sogno segreto di Berlusconi è di mandare via gli scrittori di sinistra: ci vorrebbe fuori dalle sue case editrici’’. E fa l’esempio di Saviano, come se un romanzo che racconta la camorra fosse letteratura di sinistra. Tutto questo mi ha posto inquieti interrogativi, del genere ‘’che cosa vuol dire essere uno scrittore di sinistra’’, almeno nell’idea della Murgia. Esistono davvero gli scrittori di sinistra, e cosa raccontano? Le storie sul precariato – di cui lei ha scritto – son storie di sinistra? La storia su un ricercatore dell’università sarebbe una storia di sinistra? Quali sono le storie di sinistra e quali quelle di destra? I demoni di Dostoevskij è un romanzo di sinistra per la figura del rivoluzionario Pëtr Stepanovic Verchovenskij che evoca la prossima venuta del socialismo? E Dostoevskij avrebbe mai riaffermato, ritirando un premio, il suo essere scrittore di destra, di sinistra, un whig, un tory, o quel che volete? Ma al di là di questi paragoni improbabili, che cos’è uno scrittore di sinistra oggi? Cosa diavolo scrive? Esistono parole di sinistra, un intero vocabolario? E qual è l’idea che ha della letteratura di sinistra la Murgia?

Credo che la Murgia per scrittore di sinistra voglia intendere pressappoco lo scrittore scomodo, con un’equazione molto semplice che tira in ballo e appiattisce sicuramente anche Pasolini e l’intellettuale scandaloso, un’equazione che arriva a far coincidere ciò che è scomodo e sfida la pruderie sociale alla sinistra (magari!). In una società in cui Fini è più scandaloso di Bersani i miei conti non si trovano. Deve essere passata qualche settimana, e chiedo già venia se mi sbaglio, da quando lessi su qualche blog ufficiale e qualche pagina di giornale di elogi smisurati alla nuova idea di Bersani per rilanciare il Partito Democratico, e mi affrettai alla ricerca di quell’idea e quell’intervista con vaga sorpresa. Ebbene, io non so mica se ci si anima così come davanti a un’oasi d’orrore in un deserto di noia, però la proposta di Bersani era: ‘’rifacciamo l’ulivo’’. Ma perché non chiamare anche Prodi ed evocare qualcuno dall’al di là? E’ questo il retroterra dell’intellettuale scomodo della Murgia? Prodi, l’Ulivo e la Bindi? E quali sarebbero questi scritti scomodi degli scrittori di sinistra tali da attirare l’ira di mister B?

Capirei avessimo uno scrittore di sinistra à la Bertold Brecht, quello sarebbe capace di scandalizzare anche quei rimasugli medievali del bel mondo solo con una parola a teatro di Galileo. Tutto ciò mi apre alla riflessione, che ne è delle parole scomode?dello scandalo?del non politicamente corretto? Insomma delle parole vere, delle idee autentiche, quelle dette e non sussurrate, quelle nuove che non si ha paura di ribadire. Davvero l’unica occasione di scandalo dell’Italia del ventunesimo è il cazzeggio libero su mister B? E una volta che ce ne saremo liberati, perché presto o tardi sta per accadere, resteremo vittime del virus del berlusconismo? Cosa diremo in quel giorno magnifico?

Probabilmente Fini parlerà della sua idea di destra, e la Murgia non potrà più lamentarsi di nessuno, sarà costretta a scrivere ‘’cose di sinistra’’ senza millantare censure, sarà costretta a pronunciare un discorso sulla letteratura (quelle dommage!) ritirando il Campiello. Si sentirà ancora scrittrice di sinistra quel giorno?o, tolto Berlusconi, sarà diventata semplicemente una scrittrice? Una che non pensa più all’epurazione. E, diventata la Murgia una scrittrice che non sa più cosa significa essere di sinistra, che non ha più le coordinate per capire cosa vuol dire l’essere di sinistra, che ne sarà quel giorno del Partito Democratico? Cosa caccerà dal cappello, un post-Ulivo della post-modernità? Insomma, che ne sarà dell’anima di sinistra?parlo delle viscere profonde, e della sua metaphisica.
Saranno giorni bui per le anime in diaspora, tutti dovranno capire da che parte stare senza capire qual è la linea di confine. Saranno giorni alla Flavia Vento.




permalink | inviato da desaparecida il 8/9/2010 alle 16:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        novembre