.
Annunci online

 
desaparecidos 
in certi posti del mondo essere conservatori è più progressista di essere progressisti in italia
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Courrier International
LibMagazine
Libération
LeftWing
Iddu

Esperimento
Raccoon
Il Genio Brigante
CodaDiLupo
OndeRoad
Rip
Uqbar
Perfetta Stronza
Ciro O'monaciello
PresenteIndicativo
Two Sides of the Bed
Bloggerperfecto
EcoDiSirene
Vulvia
Adlimina
Diderot
Alt
MP
ilbaco
Egine
Emma
Malvino
Il laicista
DolciInganni
  cerca

 

 

 

 


il giorno in cui mi daranno ragione penserò di avere torto



    
 Hey Joe, where you goin' with that gun in your hand




IO VENDO FUMO

 

 

- perché credevo in Kuwait si andasse al mare e invece si va per lavorare nel deserto

- perché credevo Saragoza in Andalusia

- perché le cattedrali del dis-atteggiamento sono tutte arrossite alla vista di Notre-Dame


 vendo fumo

- perché non so fare altro & perché aspiro a morire con la signora Libertà in mezzo alle cosce

- eppure se dovessi immaginarmela la vedrei ORA ai bordi di un treno solitario occhieggare ai passanti digrignare i denti in un falso sorriso imborghesito come se la felicità fossero un paio di labbra complici



io vendo fumo

- perché sono una nomade col vizio della stabilità

- perché ciò che amo è l’incidente di amare
la febbre di sapere il nulla

- perché credevo che gennargentu fosse una capitale araba intrisa di lussuria e sceicchi e m’illudevo che l’hijab m’ avrebbe coperto la bava alla bocca

- perché a Beirut si predicavano i miracoli del Kuraan, e tutte le studentesse della rivoluzione dei cedri ascoltavano furiose le vecchiette sagge



e mentre io vendo fumo
qualcuno si sta convertendo
o desidera convertirmi
o illudermi coi suoi giochi
di prestigio

 

mentre io vendo fumo
qualche arrosto va in fumo
le battaglie si consumano
e sempre gli stessi vincono

 



 L' AMOUR  - 1 (la mort)



LE MEPRIS - 2

 

LA LIBERTE' - 3


LA GU ERR E ET L A PA I X - (o Masculin, Feminin - Yin et Yang) - 4


LA POESIE (l'Art, l'Expression, la Creation, l'Hurle ment ) - 5



LA DESTRUCTION - (5 & unquarto de la tarde)

Quando il mondo sarà ridotto a un solo bosco nero per i nostri quattro occhi attoniti, in una spiaggia per due fanciulli fedeli, in una casa musicale per la nostra chiara simpatia, io vi ritroverò.
A. Rimbaud


THE RENAISSANCE

 









  Utenti connessi

 

 


 

Diario | point of view | cuba libre | adornianamente | ramadam | new encyclopedia | lo sferruzzo | vintage | puntiG | politically frigidism | illitterazioni terroriste | marx / hegel | Capitalism System Docet | metablog | retròsarkòbrunì | revolution time | sarko facho | tempi maturi per la rubrica cina |
 
Diario
1visite.

26 aprile 2010

* estratto da 'lettere dalla terra' di mark twain

Dio aveva avvertito l'uomo e la donna di non mangiare del frutto di un certo albero. E aveva aggiunto uno strano commento: egli disse che se avessero mangiato di quel frutto sarebbero certamente morti. Strano per la ragione che, non avendo mai visto prima un esempio di morte, essi non avrebbero potuto capire quello che egli voleva dire. A questo punto un serpente venne a cercarli privatamente, e li avvicinò camminando in posizione eretta, all'uso dei serpenti di quei tempi. Il serpente disse che il frutto proibito avrebbe colmato le loro menti vuote con la conoscenza. Di conseguenza essi lo mangiarono, il che fu abbastanza naturale essendo l'uomo concepito in modo che egli desideri ardentemente conoscere; mentre il prete, come Dio, di cui è imitatore e rappresentante, ha fatto dell'impedire a esso di imparare qualsiasi cosa utile il proprio ufficio fin dal principio. Adamo e Eva mangiarono il frutto proibito e all'improvviso una grande luce si riversò nelle loro deboli menti. Avevano acquistato la conoscenza. Che conoscenza... conoscenza utile? No; solo conoscenza che c'era una certa cosa chiamata Bene, e una certa cosa chiamata Male, e come commettere il male. (...)
Molto bene, Adamo e Eva adesso sapevano che cos'era il male, e come farlo. Sapevano come fare una varietà di cose immorali, e tra queste una più di altre; quella che più di altre aveva occupato la Divina attenzione: l'arte e il mistero del rapporto sessuale. Per essi fu una magnifica scoperta e smisero di bighellonare nell'ozio per dedicare a esso tutta la loro attenzione povere esultanti giovani cose! Nel mezzo di una di queste celebrazioni sentirono Dio passeggiare nel bosco, che era una sua abitudine pomeridiana, e furono presi dalla paura. Perché? Perché erano nudi. Prima non se ne erano mai accorti. Prima non ci avevano mai fatto caso. Nemmeno Dio. (...)
Naturalmente penserete che la minaccia di punire Adamo e Eva per aver disubbidito non fu ovviamente eseguita, dal momento che non avevano creato se stessi, né la loro natura né i loro impulsi né le loro debolezze, e dunque non erano giustamente soggetti al comando di alcuno, né responsabili verso alcuno dei propri atti. Vi sorprenderà sapere che la minaccia fu eseguita. Adamo e Eva furono puniti, e quel crimine trova difensori ancora oggi. La sentenza di morte fu eseguita. Come vedete, l'unica persona responsabile per il delitto della coppia la fece franca e non solo la fece franca ma divenne il boia degli innocenti. (...)
Molto bene, Dio cacciò Adamo e Eva dal Giardino, e alfine li assassinò. Tutto per aver disubbidito a un comando che non aveva diritto di pronunziare. Ma non si fermò qui, come vedrete. Egli ha un codice morale per sé e uno completamente diverso per i suoi figli. Ai suoi figli chiede di trattare giustamente e benevolmente i peccatori, e di perdonarli settanta e sette volte; mentre egli non tratta giustamente né benevolmente nessuno, e non perdonò a quella prima coppia di giovanetti ignoranti e sprovveduti il loro primo piccolo peccato dicendo: «per questa volta potete andare, vi do un'altra possibilità». Al contrario! Egli elesse di punire i loro figli di tutte le epoche fino alla fine del tempo per un peccato insignificante commesso da altri prima che fossero nati. La punizione è ancora in atto. In forme attenuate? No, in forme atroci.




permalink | inviato da desaparecida il 26/4/2010 alle 15:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo        maggio