.
Annunci online

 
desaparecidos 
in certi posti del mondo essere conservatori è più progressista di essere progressisti in italia
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Courrier International
LibMagazine
Libération
LeftWing
Iddu

Esperimento
Raccoon
Il Genio Brigante
CodaDiLupo
OndeRoad
Rip
Uqbar
Perfetta Stronza
Ciro O'monaciello
PresenteIndicativo
Two Sides of the Bed
Bloggerperfecto
EcoDiSirene
Vulvia
Adlimina
Diderot
Alt
MP
ilbaco
Egine
Emma
Malvino
Il laicista
DolciInganni
  cerca

 

 

 

 


il giorno in cui mi daranno ragione penserò di avere torto



    
 Hey Joe, where you goin' with that gun in your hand




IO VENDO FUMO

 

 

- perché credevo in Kuwait si andasse al mare e invece si va per lavorare nel deserto

- perché credevo Saragoza in Andalusia

- perché le cattedrali del dis-atteggiamento sono tutte arrossite alla vista di Notre-Dame


 vendo fumo

- perché non so fare altro & perché aspiro a morire con la signora Libertà in mezzo alle cosce

- eppure se dovessi immaginarmela la vedrei ORA ai bordi di un treno solitario occhieggare ai passanti digrignare i denti in un falso sorriso imborghesito come se la felicità fossero un paio di labbra complici



io vendo fumo

- perché sono una nomade col vizio della stabilità

- perché ciò che amo è l’incidente di amare
la febbre di sapere il nulla

- perché credevo che gennargentu fosse una capitale araba intrisa di lussuria e sceicchi e m’illudevo che l’hijab m’ avrebbe coperto la bava alla bocca

- perché a Beirut si predicavano i miracoli del Kuraan, e tutte le studentesse della rivoluzione dei cedri ascoltavano furiose le vecchiette sagge



e mentre io vendo fumo
qualcuno si sta convertendo
o desidera convertirmi
o illudermi coi suoi giochi
di prestigio

 

mentre io vendo fumo
qualche arrosto va in fumo
le battaglie si consumano
e sempre gli stessi vincono

 



 L' AMOUR  - 1 (la mort)



LE MEPRIS - 2

 

LA LIBERTE' - 3


LA GU ERR E ET L A PA I X - (o Masculin, Feminin - Yin et Yang) - 4


LA POESIE (l'Art, l'Expression, la Creation, l'Hurle ment ) - 5



LA DESTRUCTION - (5 & unquarto de la tarde)

Quando il mondo sarà ridotto a un solo bosco nero per i nostri quattro occhi attoniti, in una spiaggia per due fanciulli fedeli, in una casa musicale per la nostra chiara simpatia, io vi ritroverò.
A. Rimbaud


THE RENAISSANCE

 









  Utenti connessi

 

 


 

Diario | point of view | cuba libre | adornianamente | ramadam | new encyclopedia | lo sferruzzo | vintage | puntiG | politically frigidism | illitterazioni terroriste | marx / hegel | Capitalism System Docet | metablog | retròsarkòbrunì | revolution time | sarko facho | tempi maturi per la rubrica cina |
 
Diario
1visite.

4 settembre 2009

* latitare o non latitare

Devo dire che la dicitura del blog, ''E andammo a comprare le sigarette per sfuggire al ventennio secondo'', è andata ben oltre le mie migliori (e maleauguranti) aspettative. E' vero, questo simil-ventennio è soporifero, diffonde apatia e disinteresse da spiaggia, tantopiù che è ancora e irrimediabilmente estate, e verrebbe proprio voglia di uscire e andare a comprare le sigarette, ma capita quella giornata di afa stretta e degenerante in cui anche il distibutore di sigarette si ribella e diventa un apatico, ti chiede la tessera sanitaria, e per chi non la porta dietro o l'ha tragicamente persa è l'inizio di un dramma di ferragosto, quando tutto è chiuso e non resta che prendersela con qualche ingegnere dell'automazione salutista (che poi a che servirà inserire proprio la tessera sanitaria?a risalire in futuro alle colpe delle malattie?). Verrebbe proprio voglia di sfuggire al ventennio secondo, tantopiù che è quasi peggiore del primo, che almeno aveva la palle di non farsi chiamare democrazia, e si sa quanto siamo sensibili alle parole, il primo passo per ammettere uno sbaglio è sapere di cosa diavolo stiamo parlando. Almeno ci fossimo meritati di entrare nel progetto di esportazione democratica di W. Bush, che - ricordiamo con saudade - consisteva in un primo periodo di bombardamenti a tappeto per poi difendere con denti e carroarmati la gloriosa neonata spontanea democrazia, forse così a casaccio qualche bersaglio di quelli da eliminare le bombe lo avrebbero colpito (ma qui siamo nel campo della fortuna e del caso, e si sa che la fortuna va dove sono i già fortunati, e che il caso spesso è manovrato, pure quello divino perdio!). Non starò qui a dire di che diavolo si tratta questo ''nuovo ventennio'', e spero di non dover aspettare che ledano i diritti umani prima di poterlo definire con parole già esistenti, so che meritiamo qualcosa di diverso e quando il fondatore de l'Unità diceva ''Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.'', c'era il primo ventennio, e a nessuno veniva chiesta la tessera sanitaria per comprare le sigarette, e i giornalisti erano costretti alle dimissioni, e i giornali minacciati, e...se solo ce ne fossimo accorti prima di trovare le parole per dirlo!




permalink | inviato da desaparecida il 4/9/2009 alle 18:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        dicembre